Categoria: Review

Lo Shikakai

Oggi vi voglio raccontare la mia esperienza con questa nuova erbetta ayurvedica appena lanciata dalla nostra cara Phitofilos: lo Shikakai.

 

 

La polvere di Shikakai si ricava dalla corteccia dell’Acacia concinna, una pianta originaria dell’Asia: essendo ricca di SAPONINE, sostanze lavanti naturali, è in grado di rimuovere sporco e sebo esattamente come fa abitualmente lo shampoo più tradizionale.

Lo Shikakai è ideale come trattamento per cuti seborroiche, rende i capelli vitali e lucenti, nella medicina Ayurvedica viene considerata un trattamento molto efficace per CONTRASTARE la CADUTA eccessiva dei capelli. Grazie alle sue proprietà astringenti può essere utilizzata anche sul viso come impacco per aiutare nel caso di psoriasi ed eczemi.

Avevo letto molto sulle proprietà di questa erba ed ero davvero molto curiosa di provarla ma ero scettica sull’effettiva capacità lavante e sulla praticità d’uso. Dovete sapere che vado sempre di corsa e spesso lavo i capelli -a volte direttamente nel lavandino del bagno- durante la pausa pranzo dedicando alla faccenda non più di 2 minuti tra shampoo e impacco.

 

 

 

Vi dico subito che non ho seguito le indicazioni che ho trovato sul retro della confezione (quel giorno ero particolarmente raffreddata, avevo poco tempo a disposizione e non potevo tenere in posa l’impacco per 15 minuti) ma mi sono limitata a seguire le indicazioni lette in giro su vari blog. Vi spiego passo passo come ho fatto:

  • ho preso tre cucchiai colmi di shikakai, la grandezza del cucchiaio che ho usato è una via di mezzo tra quello da caffè e quello grande da minestra
  • ho aggiunto a filo dell’acqua molto calda ma non bollente
  • ho mescolato bene fino  raggiungere una consistenza cremosa di media densità, tipo yogurth denso
  • ho bagnato i capelli semplicemente con acqua
  • ho preso la crema di shikakai con le mani e, a testa in giù, ho massaggiato bene la cute per circa un minuto
  • con quel che è rimasto sul fondo della ciotola. ho massaggiato anche le lunghezze
  • ho sciacquato benissimo per essere sicura di aver rimosso ogni residuo

Ho voluto mettere alla prova ulteriormente lo shikakai -in particolare la sua capacità condizionante- e non ho applicato il balsamo: ho i capelli molto sottili e generalmente è impensabile non metterlo perchè tendono ad annodarsi e non riesco a pettinarli.

 

IL RISULTATO

Credetemi, sono rimasta sbalordita!

La cute e le lunghezze erano davvero pulitissimi esattamente come se avessi usato lo shampoo: leggeri, lucidi e ben sgrassati. Oltre a ciò le lunghezze erano anche morbide e districate come se avessi usato il balsamo.

Per quanto riguarda la questione spinosissima dell’odore: non ve lo so spiegare, è un po’ erbaceo ma, credetemi, davvero delicato e appena percettibile. Chiaramente a fine “lavaggio” i capelli non sono profumati come accade con l’accoppiata shampoo+balsamo: restano totalmente privi di qualsiasi odore, cosa che per quanto mi riguarda non è poi da considerarsi del tutto uno svantaggio.

 

 

Sono davvero soddisfatta delle Shikakai! 

Nonostante le mie iniziali perplessità, ha davvero mantenuto le promesse e, cosa non da poco, è efficace anche senza tenerlo in posa. Comunque non appena ne avrò la possibilità (magari sfruttando il giorno di chiusura, quando sono più tranquilla) proverò a seguire le indicazioni di Phitofilos tenendo l’impacco in testa per 15/30 minuti anzichè massaggiarlo come lo shampoo e vediamo come si comporta.

Vi farò sapere!

A presto.

 

 

Frutti rossi che passione!! La detersione del viso secondo Biofficina Toscana

 

 

Nuovi arrivi in casa Biofficina Toscana!

Tutte voi sapete quanto sia importante la detersione quotidiana del viso: se vi truccate oppure no, è importante pulire la pelle del viso OGNI SERA. Se volete avere una pelle bella, idratata e morbida, dalla grana uniforme e dal colorito sano non potete prescindere dalla detersione.

Per accontentare ognuna di voi, Biofficina ha aggiunto alla sua gamma viso -già ben fornita- due nuove referenze per struccare e pulire a fondo ed accuratamente il viso. Eccole qui:

  • lo struccante bifasico ai frutti rossi
  • il burro struccante ai frutti rossi

 

 

 

 

 

Lo STRUCCANTE BIFASICO è adatto sia per il viso che per gli occhi: contiene una fase acquosa ed una oleosa che, mixate insieme, garantiscono una profonda azione struccante ed emolliente.

La parte oleosa di questo detergente contiene l’oleolito bio di iperico ad azione rigenerante che rimuove facilmente e velocemente anche il trucco waterproof. La fase acquosa contiene il Rubiox®, l’esclusivo principio brevettato derivato da frutti rossi delle colline toscane, ad azione antiossidante e protettiva: perfetto in particolare per le pelli secche e mature.

Per utilizzarlo al meglio, bisogna agitare bene la confezione per far emulsionare le due fasi del prodotto e passare il prodotto con l’ausilio di un dischetto di cotone: il viso sarà perfettamente pulito, ogni traccia di make-up sarà sparita e la pelle sarà idratato e nutrita. La sua texture è leggermente oleosa, ed è il motivo per cui non trovo sia adatto alle pelli grasse o impure. La profumazione, come sempre nel caso dei prodotti di Biofficina, è deliziosa: è molto delicata e per nulla invasiva, e sa -come facilmente intuibile- di dolci frutti rossi.

 

Ora passiamo al BURRO STRUCCANTE che è il vero prodotto-rivelazione!

Perfetto per un massaggio facciale rivitalizzante: applicato sulla pelle asciutta si scioglie trasformandosi in un olio dal tocco vellutato oppure, se usato sulla pelle umida, diventa quasi un latte detergente. Usatelo pure come preferite, sarà comunque capace di rimuovere in modo efficace e profondo anche il trucco più resistente da viso ed occhi. Anche in questo caso la formulazione è impreziosita dal Rubiox®, il principio attivo brevettato da Biofficina Toscana.

Come vi ho anticipato su facebook, ero molto perplessa su questo prodotto in particolare: non mettevo in dubbio la capacità struccante ma non mi capacitavo di come potesse essere l’effetto finale sul viso. Mi spiego: immaginavo un pastrocchio unto che necessariamente dovesse essere rimosso con un detergente schiumogeno….e invece NO!

Vi posso assicurare che, dopo averne massaggiata una piccola quantità, basta risciacquare con della semplicissima acqua ed il viso rimane perfetto. Davvero non rimane nessuna traccia nè di make-up nè di burro. Una magia! La pelle rimane perfettamente pulita, liscia ed idratata.

Lo struccante ha questa texture (vedi foto): ho cercato di fotografarlo al meglio per farvi vedere la sua consistenza “burrosa” (ma và?! ), ma non ve lo immaginate duro come il karitè perchè è soffice e cremoso. Il profumo anche in questo caso è quello delizioso di frutti rossi di tutta la linea.

Se cercate qualcosa di nuovo per la cura del viso, che vi permetta di struccarvi efficacemente in pochi gesti, questi nuovissimo prodotti vi aspettano in negozio!

Spero vi sia piaciuta questa mia recensione, a presto!

I LOVE Creamy Comfort!

Mentre attendiamo di provare il nuovissimo fondotinta di Neve Cosmetics che si preannuncia come il prodotto top nel panorama del make-up naturale, innovativo e con performance straordinarie, vi volevo parlare del precedente fondo creato dall’azienda Torinese.

Il Creamy Comfort ha rappresentato una novità davvero tanta attesa: finalmente la nostra cara Neve aveva realizzato un fondo fluido, adatto quindi anche alle pelli normali/secche ed eravamo in tante ad attenderlo. Ma si sa, tutto il web si basa sull’immediatezza e sulla velocità con cui vengono date le informazioni ed altrettanto velocemente questo prodotto sembra sia stato già dimenticato…ma io non l’ho affatto cestinato ed anzi ora sono pronta a darvi la mia recensione: come al solito, mi è servito tanto tempo perchè l’ho voluto mettere alla prova e vedere i suoi effetti a lungo termine sulla mia pelle.

Prima di tutto com’è la mia pelle? Bella domanda….ultimamente sta cambiando, trovo sia molto meno secca del solito. Anzi ultimamente la definirei normale-mista, con qualche leggera oleosità localizzata sopratutto su fronte e lati del naso. Non ho impurità o punti neri, non ho pori dilatati ma qualche rossore e delle discromie sulle guance.

 

Come applico in fondotinta?

Ecco, secondo me questo è il punto fondamentale: per un’ottima resa -e vi ripeto, ho sperimentato di tutto- occorre utilizzare la blender bagnata e ben strizzata. Io uso la Blending Drop: mi piace la sua forma, è morbida e della giusta dimensione.

Qui di fianco vedete la foto presa dall’Instagram di Miss Bio—-> seguimi!

Prelevo poco prodotto alla volta  lo metto sul dorso della mano, dopodichè utilizzando la Drop inizio ad applicarlo sul viso. Non “striscio” il fondotinta ma piuttosto lo tampono, cercando di stenderlo in maniera uniforme. Parto sempre dal centro del viso per poi spostarmi verso l’esterno. Il bello dell’uso della blender è che permette un’applicazione leggera, modulabile e fresca!

 

Nelle zone che necessitano di maggiore coprenza, mi limito ad aggiungere un pochino di prodotto in più sempre con la stessa tecnica: se avete delle imperfezioni evidenti, magari sarebbe bene applicare PRIMA del fondotinta un buon correttore specifico.

La tonalità che ho scelto per me è la TAN WARM: si adatta bene al mio incarnato senza farmi apparire nè troppo gialla nè spenta. L’effetto complessivo è molto naturale.

Terminata la stesura del Creamy Comfort, passo un velo di cipria trasparente: uso la DEWY sempre di Neve che mi piace tanto perchè opacizza delicatamente ma allo stesso tempo dona un aspetto luminoso, quasi perlescente, ma molto molto delicato.

Per finire in bellezza, dopo il BLUSH che per me è un prodotto INDISPENSABILE , applico sulle gote un tocco di illuminante, il Resplendent Highlighter nr. 2 di PuroBio…spettacolare!

 

Lo vedete in foto, è quello splendore al centro: è rosato ed è davvero bello. La cialda è iper-pigmentata perciò ne basta davvero una spolverata che applico il il suo pennello piatto e largo.

La realizzazione di questa base per il viso nella pratica è davvero semplice:  mi bastano 4 o 5 minuti non di più. Visto che sono spesso di fretta e devo fare tutto con rapidità(prepara il pranzo/fai partire la lavatrice/truccati/rifai il letto e così via!), non riesco a dedicare più tempo al trucco quotidiano.

Nonostante la velocità e semplicità di realizzazione, il risultato finale mi piace moltissimo: sento la pelle idratata ma dal tocco setoso, ho un colorito uniforme e luminoso: ogni volta che ho indossato questo fondo per venire in negozio, le clienti mi chiedevano <<Che prodotto porti? Mi piace tanto questo effetto naturale!>>. Per quanto riguarda la durata, su di me il Creamy Comfort è davvero soddisfacente: lo metto la mattina e sono a posto sino a sera. E’ chiaro che, verso le 16 del pomeriggio, si alleggerisce un pochino, ma  non così tanto da richiedere un ritocco.

Se non conoscete il Creamy Comfort di Neve Cosmetics, perchè non approfittate della giornata dedicata al trucco che si terrà sabato 24 febbraio qui da Miss Bio per venire a provarlo?

Come OGNI PRODOTTO cosmetico in commercio, non è detto che vada bene a tutte voi: per qualcuna sarà il top, per qualcun’altra no. Dipende moltissimo dalla vostra pelle e dal suo stato, dalla coprenza che cercate e dall’effetto finale che volete ottenere. Dovete solo provarlo.

Spero che questa mia recensione vi sia stata utile e che vi abbia aiutato a farvi un’idea più precisa di com’è questo fondotinta.

A presto!

Pelle radiosa: le mie strategie di cura del viso

Il mese di gennaio è sempre stato per me il mese della cosiddetta “remise en forme”: dopo le abbuffate natalizie, sento la necessità di riprendere in mano abitudini più sane e di prendermi cura di me coccolandomi un po’.

Oltre a curare scrupolosamente l’alimentazione che, parliamoci chiaramente, è la BASE del nostro star bene e dello stare in forma e in salute, quest’anno ho iniziato dal viso: sarà che ho quasi 41 anni, sarà che effettivamente questa è la parte più strapazzata del corpo perchè è sempre esposta a sole/vento/freddo/smog….in ogni caso ho notato la presenza di qualche rughetta che fino a poco tempo fa non c’era. Inoltre la mia pelle che generalmente è sempre stata normale tendente al secco, in questo momento è leggermente oleosa principalmente sulla famigerata zona T. Misteri inspiegabili!

Senza farmi prendere dal panico -non ho paura di invecchiare e trovo sia più che normale che il corpo cambi col passare del tempo- ho iniziato a curare il viso con più attenzione: vi spiego bene quali sono i prodotti che usando in questo periodo e quale routine bio sto seguendo per curare il mio viso anche in previsione della bella stagione.

Chi mi segue già su facebook su http://www.facebook.com/missbio/ ha già visto visto il “dischetto delle meraviglie” che sto usando per la pulizia più profonda.

Quello che vedete in foto è il pad realizzato da Cose della Natura in ramie , una fibra completamente naturale, che utilizzo 2/3 volte a settimana sul viso. Procedo così: la sera, dopo aver struccato il viso, bagno il dischetto con acqua e aggiungo un goccio di detergente. Lo passo con movimenti rotatori su tutto il viso -NON SUL CONTORNO OCCHI- insistendo un pochino di più sul naso e sul mento. Poi mi sciacquo con acqua e già sento che il miracolo sta avvenendo: la pelle è immediatamente più luminosa, la grana è affinata e al tocco è morbida-morbida e liscissima.

Considerate che avevo due grani di miglio sulla guancia sinistra che, dopo una settimana di “trattamento”, sono spariti da soli, semplicemente con l’utilizzo del dischetto in ramie…non male vero?! Inoltre ho proprio percepito una sensibile diminuzione dell’oleosità sia sulla fronte che sul naso.

La fibra che compone la parte scrub del disco è adatta anche alle pelli delicate e secche, oltre che alle pelli più resistenti con evidenti impurità. Utilizzato con costanza darà i suoi risultati e riscoprirete una luminosità che non immaginate nemmeno.

Dopo questa pulizia approfondita, metto sul viso qualche goccia di un prodotto fantastico che non è conosciuta come secondo me meriterebbe: la LOZIONE VISO ILLUMINANTE di Biofficina Toscana.

Scopriamola più da vicino: la lozione è un fluido fresco e leggero che si utilizza dopo la detersione. E’ davvero ricca di principi attivi in grado di preparare la pelle a ricevere i trattamenti successivi. Considerate che ne bastano davvero poche gocce da applicare fino a completo assorbimento oppure lasciando la pelle leggermente umida per poi passare alla crema.

Come vedete dalla foto, la lozione ha la consistenza di un gel piuttosto fluido, che è in grado di veicolare gli attivi idratanti e protettivi senza aggiungere quota grassa: questo la rende un alleato prezioso anche per le pelli grasse e miste che possono assorbire i preziosi attivi senza accumulare sulla pelle residui oleosi, che andrebbero a sommarsi a quelli di sieri e creme da applicare in una seconda fase di trattamento.

Per la mia routine di cura del viso ho scelto tra le tre versioni disponibili la lozione ILLUMINANTE:  contiene mucillagini di malva,  potenziate dall’acido ialuronico a peso molecolare differenziato ovvero con molecole più grandi che trattengono l’acqua sulla superficie cutanea e molecole più piccole che agiscono più in profondità, per donare turgore e idratazione all’epidermide (azione idratante ed effetto tensore levigante). Il fluido contiene anche succo di aloe e il bioliquefatto di pomodoro (ricchi di polisaccaridi e antiossidanti) che, uniti all’urea, contribuiscono ad amplificare l’azione idratante e protettiva da inquinamento e stress ambientali. La lozione illuminante è perfezionata dall’ idrolato di fiori di arancio, bioliquefatto di verbasco-Luminescine® – potente antagonista dello stress foto-ossidativo che contrasta i radicali liberi- ed estratto di limone ricco di acido ascorbico con azione uniformante del colorito ed illuminante.

Dopo aver applicato la lozione, continuo con un paio di gocce di contorno occhi sempre di Biofficina Toscana e applico la crema viso: in questo caso non vi svelo di cosa di tratta perchè è un “prodotto-test”. Ho ricevuto una serie di campioni da provare da una nuova azienda italiana di cosmesi biologica certificata ed è proprio quello che sto facendo in questo periodo. Vi posso dire che è una crema per il viso ad azione antiossidante, molto piacevole e per nulla grassa: pur essendo molto idratante e nutriente non mi lascia il viso lucido ed il mattina successivo non ho nessuna traccia di untuosità residua. Ammetto che la sto amando ma più di questo non vi voglio dire….quando avrò il verdetto finale la scoprirete direttamente in negozio da Miss Bio.

Questi sono gli step di cura del viso che sto seguendo ogni sera prima di andare a dormire e ci tengo a precisarvi che non impiego più di 3 o 4 minuti per completare tutti i passaggi: è un semplicissimo rituale di bellezza che è adatto anche alle più pigrone perchè in pochissimo tempo si ottengono ottimi risultati.

Nel prossimo post vi racconterò quali sono i trattamenti più specifici che faccio una volta a settimana per mantenere tono, idratazione e luminosità.

Se avete domande o commenti, sarò ben lieta di leggervi e rispondere.

A presto!